English [en]   العربية [ar]   Deutsch [de]   español [es]   فارسی [fa]   français [fr]   hrvatski [hr]   italiano [it]   日本語 [ja]   polski [pl]   português do Brasil [pt-br]   română [ro]   русский [ru]   slovenčina [sk]   українська [uk]   简体中文 [zh-cn]  

Questa è la traduzione di una pagina scritta originariamente in lingua inglese.

Distribuzioni GNU/Linux

Le distribuzioni (o "distro") libere GNU/Linux includono o propongono solamente software libero. Rifiutano le applicazioni non libere, le piattaforme di programmazione non libere, i driver non liberi, firmware ("blob") non liberi e qualunque altro programma o documentazione non liberi. Se queste distribuzioni scoprono che per errore qualche parte non libera è stata inclusa, la eliminano.

Distribuzioni GNU/Linux libere

Noi raccomandiamo l'uso di distribuzioni GNU/Linux libere, che non includano neanche in piccola parte programmi proprietari. In questo modo si può essere sicuri che non si sta installando alcun programma non libero. Un elenco di queste distribuzioni:
Distribuzioni libere GNU/Linux.

Ognuna di queste distribuzioni esistenti ha bisogno di più aiuto per il suo sviluppo. Per questo se volete dare un effettivo contributo alle distribuzioni GNU/Linux libere, vi suggeriamo di aderire allo sviluppo di una di queste distribuzioni già esistenti piuttosto che iniziare una nuova distribuzione.

Linee guida per le distribuzioni libere

Un elenco di problemi che possono fare in modo che una distribuzione non venga considerata completamente libera:
Linee guida per distribuzioni libere.

Distribuzioni comuni

Molte distribuzioni GNU/Linux comuni e conosciute non rispettano le nostre linee guida. Si può leggere il perché qui:
Perché non approviamo molte distribuzioni GNU/Linux note.

Facciamo appello agli sviluppatori di queste distribuzioni affinché rimuovano le parti non libere in modo da renderle provviste di solo software libero.

"Libero se si desidera" non basta

Alcune distribuzioni GNU/Linux danno all'utente la possibilità di scegliere di installare solo software libero. Leggere:
Perché "Libero se si desidera" non basta.

Perché è importante?

Quando una distribuzione GNU/Linux include software non libero, provoca due tipi di problemi:

Il primo problema è un problema diretto: colpisce gli utenti della distribuzione, se installano il software non libero. Però il secondo problema è più importante, perché colpisce la comunità nel suo complesso.

Gli sviluppatori di distribuzioni non libere non dicono "Scusateci per la presenza di componenti non liberi nella nostra distribuzione: non sappiamo cosa ci ha indotto ad includerli e speriamo che nella prossima versione saremo più orientati alla libertà". Se lo facessero, sarebbero meno dannosi.

Invece, di solito presentano il software non libero presente nei loro sistemi come una caratteristica positiva; dicono che si pongono come obiettivo di offrire "un'esperienza utente ottimale" o qualcosa del genere, e non parlano di libertà. In altre parole, portano il pubblico a considerare che la comodità sia più importante della libertà, e con questo vanificano la nostra campagna che considera la libertà come obiettivo principale.

Il motivo per cui non sosteniamo queste distribuzioni è che non diffondono la libertà, e ci preoccupa in particolare il fatto che queste distribuzioni insegnino a non dare valore alla libertà.

[Logo FSF]“La nostra missione è preservare, proteggere e promuovere la libertà di usare, studiare, copiare, modificare e ridistribuire il software per computer, e difendere i diritti degli utenti di software libero.”

La Free Software Foundation è lo sponsor principale del Sistema operativo GNU. Potete sostenere GNU e la FSF comprando manuali e gadget, diventando membri associati della FSF oppure facendo una donazione diretta o via Flattr.

inizio pagina